mercoledì 6 agosto 2014

#‎ApesRevolution‬ la #recensione di BENFUL

Metti MI PIACE nella nostra pagina Facebook e resta aggiornato sulle principali news dal mondo del cinema, trailer, immagini e curiosità.
SEGUICI SU FACEBOOK  
SEGUICI SU TWITTER   
Apes Revolution la recensione di BENFUL
Qualitativamente - abbiamo visto "Apes" nei giorni scorsi - le due pellicole RISE e DAWN si equivalgono molto, gli effetti visivi delle scimmie sono ancora migliorati (erano già ottimi nel film del 2011) un vero spettacolo per gli occhi, ottimo l'incipt che ci ri-allaccia al finale della pellicola originale e straordinaria é l'ambientazione boschiva rifugio delle scimmie. Gli umani sono rintanati in una San Francisco ricoperta da sterpaglie e vegetazione (ottima la cura scenografica). 
Il film é per certi versi un remake del capitolo 4/5 della vecchia saga. 
Interessante lo scontro per il potere (politico) in atto tra scimmie (Cesare contro Koba) e umani (Malcom contro Dreyfus), buoni e cattivi da entrambe le "razze" (ehmmm schieramenti, ndr) con i secondi pronti ad innescare la guerra per la supremazia del pianeta Terra. 
Nella serie originale era la schiavitù (tra gli umani che aiutano il "vecchio" Cesare c'era un uomo di colore), questa volta é il potere (le armi, l'energia) a manovrare la voglia di belligeranza tra popoli (ai giorni nostri molto spesso é la religione a guidare i conflitti...).
Per oltre metà del film assistiamo a questo scontro politico in atto tra (e all'interno) le due specie...poi arriva tanta azione, l'assedio scimmiesco, la battaglia con un Koda sul carro armato che esteticamente ricorda i videogames...fino allo scontro epocale tra le due fazioni, lascio a voi scoprirlo in sala.
Andy Serkins imprime un foto-realismo eccezionale nonostante l'uso digitale del "performance-capture" , il suo Cesare sembra vero !!!
Matt Reeves - che già aveva fatto un ottimo lavoro con il "mostruoso" Cloverfield - riesce a dosare le attese rendendo - cosa rara in un blockbuster, il film é costato $170 milioni - spessore ad una pellicola che per forza di cose é nata per far soldi.
Bennati Fulvio

" target="_blank">


Posta un commento