venerdì 11 ottobre 2013

INSIDIOUS CHAPTER 2 / OLTRE I CONFINI DEL MALE la recensione di Horror Geek

SEGUICI SU TWITTER:  https://twitter.com/BoxOfficeBenful
Se il mese scorso siete sopravvissuti a 'The Conjuring - L'Evocazione' è arrivato il momento di mettervi ancora alla prova con 'Insidious Chapter 2 - Oltre i Confini del Male', diretto ancora da James Wan dopo lo straordinario successo d'oltreoceano ( $75,548,755 chiuderà ben oltre gli 80 milioni, il primo ne ottenne 54) è da ieri nei nostri cinema (245 copie, oltre 82mila euro incassati in un giorno) l'horror con Leigh Whannell, Angus Sampson, Lin Shaye e Patrick Wilson. Ecco la recensione del nostro 'horror geek':
 
INSIDIOUS CHAPTER 2 / OLTRE I CONFINI DEL MALE
James Wan il regista culto degli ultimi anni (L’evocazione) porta sullo schermo il sequel del gioiellino che con due lire o poco più (2 milioni di dollari) sbancò e stupì nella sua originalità nel 2010. Ebbene si il regista australiano dopo aver dato alla luce quel capolavoro che è “SAW l’ENIGMISTA”, il sottovalutato “DEAD SILENCE” e lo stesso “INSIDIOUS”, torna a raccontare quel che successe alla famiglia Lambert dopo i fatti accaduti la stessa notte. Precisando che il film porta il doppio titolo di “Second chapter/capitolo secondo” proprio perché dopo un piccolo flashback iniziale sull’infanzia di Josh Patrick Wilson Lambert (chiave di uno dei nodi del film) il capitolo in questione parte subito dall’attimo stesso in cui finì il primo film. Ovvero quando Josh riporta a casa il figlio Dalton dall’Altrove inseguito dalla minacciosa figura “della vecchia” che fin da quando era piccolo gli stava addosso per poter arrivare a prendere il suo corpo e “tornare” alla vita. Da qui colpi di scena e intrecci che riportano anche ad alcuni dei momenti di tensione che furono del primo capitolo…e …non continuerò oltre perchè di un film del genere è difficile parlare della trama poiché sin dall’inizio piena di succosi spoiler e colpi di scena che parlandone troppo potrebbero rovinarvi la sorpresa, lascio quindi a voi la visione…


Il regista si conferma un grande…niente da dire. Anche se il film è un pò “meno” del primo perché già si sa della trama e già abbiamo avuto l’effetto sorpresa e nonostante i tanti nuovi risvolti e twister non raggiunge mai la terrorizzante prima parte del primo film. Le luci, la fotografia, i colori tra i quali il rosso che demarca il passaggio o la presenza di quello che è “l’oscurità” rendono il film UNICO e inconfondibile marchio di quello che è il cinema di Wan. E anche se è vero, il primo film era un pò troppo Poltergeist, qui c’è molto “PSYCO” e i puristi e gli scontenti potrebbero storcere il naso. Buona la Trama scritta a quattro mani con l’inseparabile Leigh Whannell qui anche Specs uno dei due aiutanti di Elise (l’unica e inconfondibile mito vivente Lin Shaye) , che anche se rischia troppo inoltrandosi nello spiegare quello che era oscuro nel primo, e che forse delle volte deve rimanere tale, fa comunque un buon lavoro salvandosi la faccia e regalandoci ancora una volta non un banale aspetto sulla cattiveria e sui fantasmi ma su quella versione new age dell’anima che porta a pensare che forse è più malevole e eterna una memoria marcia che di per se l’azione data dalla pazzia.

Insomma un film con tanti spessori di lettura e che se non proprio terrorizzante sicuramente un film dal divertimento assicurato per tutta la durata della pellicola. Un Urrà anche a Barbara Hershey (già vittima di spiriti in Entity) che con i suoi bei boccoli anni 90 riesce a salvarsi il culo anche questa volta…della serie i morti sono molto più espressivi di lei ma si sa l’attrice con gli spiriti non ha un bel passato.
Quindi miei cari Geek armatevi la sera prima del primo film (qui la recensione: http://boxofficebenful.blogspot.it/2013/05/in-attesa-di-conjuring-levocazione-di.html )  , rivedetevelo perché la visione del secondo senza il primo potrebbe essere un caos assoluto per i primi 40 minuti… godetevi questa bellissima avventura targata Wan/Whannell e buona fortuna, vi auguro di riuscire a tornare dall’Altrove sani e salvi e soprattutto …da soli….
p.s. la mitica “Tip Toe, Through The Tulips” di Tiny Tim non c’è…ed è un peccato. Ma la colonna sonora è fantastica. E non c’è nemmeno il demone rosso protagonista del primo film…ma …ma…mi domando…che sia lui il gancio per INSIDIOUS 3 sul finale?????

Francesco Falciani

 
 
Posta un commento